Voucher INPS: 6 Principali Proposte di Modifiche

 In News, Voucher Inps
Voucher INPS: 6 Principali Proposte di Modifiche

Voucher INPS: 6 Principali Proposte di Modifiche

I principali cambiamenti sui Voucher INPS o anche detti Buoni Lavoro proposti dalla Commissione Lavoro alla Camere dei Deputati sono allo stato attuale delle proposte che vanno incontro alle richieste di chi chiede un cambiamento nella attuale disciplina chiede a gran voce e che dall’altro lato scongiurerebbero il Referendum.

  1. le proposte valgono sia per le famiglie che per le aziende senza dipendenti.
  2. potranno avvalersi dei buoni lavoro per un valore non superiore a 3.000 euro annui.
  3. Il lavoratore potrà percepire un massimo complessivo annuo di 5.000 euro.
  4. Ogni lavoratore può percipire da un singolo datore di lavoro al massimo compensi non superiori a 2.000 euro annui: quindi si potrà arrivare al massimo dei 5000 euro sommando più rapporti di lavoro.
  5. Sono previsti due tipologie di taglio minimo: 10 euro per le famiglie e 15 euro per le imprese.
  6. Le aziende senza dipendenti potranno utilizzare i voucher con disoccupati, pensionati e giovani con meno di 25 anni di età, disabili e soggetti in comunità di recupero, lavoratori stranieri provenienti da Paesi non appartenenti all’Ue, con permesso di soggiorno, che hanno perso il lavoro da sei mesi.

La proposta, ha spiegato la relatrice “non è chiusa, ma può essere modificata”. A questo punto la discussione potrà iniziare già martedì 14 marzo.
Secondo Maestri questo testo potrebbe essere accolto favorevolmente anche dal governo perché è una “proposta mediata” tra chi voleva abolire i voucher e chi invece voleva allargare la platea di chi ne faceva uso. Sul fronte del controllo, non solo sanzioni pecuniarie per chi utilizza in modo improprio i voucher: il testo prevede anche che “nei casi in cui venga accertato l’improprio utilizzo del buono lavoro, ferme restando le conseguenze penalmente rilevanti in caso di false dichiarazioni, il superamento dei limiti quantitativi e qualitativi di utilizzo di tali forme di lavoro determina la trasformazione del rapporto di lavoro in un rapporto di lavoro di natura subordinata a tempo indeterminato, qualora le prestazioni rese risultino funzionali all’attività di impresa o professionale”. Le sanzioni sono indicate da un minimo di 600 a un massimo di 3.600 euro.

Continua a leggere… PREMI QUI

Recommended Posts
Scrivici

Non siamo On Line adesso, ma scrivi una mail ti risponderemo il prima possibile. We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt

Start typing and press Enter to search

Voucher-InpsVoucher-Inps