fbpx
Ataf; Firenze;
Staff Tabaccheria

Staff Tabaccheria

dal 1994 al vostro servizio

Tutte le informazioni che stai cercando sugli abbbonamenti ATAF e TRENO per la loro detrazione dalle imposte 2018.

Un piccolo testo per capire come

Bonus per chi usa i mezzi pubblici

La legge di Bilancio 2018  introduce il bonus per chi usa i mezzi pubblici, il bonus entra nel modello 730/2019 e consentirà ai contribuenti di beneficiare di un rimborso pari al 19% della spesa sostenuta per acquistare gli abbonamenti.

Rimborso abbonamento messi pubblici anche dei familiari

La detrazione è possibile per gli abbonamenti comprati per se stessi e per i familiari che sono a carico, tra cui i figli, la moglie o il marito.

L’abbonamento a bus, metro, tram e treni è detraibile per il 19% in dichiarazione (quelli pagati dal 1° gennaio 2018). Vale anche per quelli pagati per familiari a carico. La spesa massima è € 250 all’anno.

So che questi abbonamenti sono nominativi, quindi penso che non occorra fare altro che conservarli per eventuali richieste documentali dell’Agenzia delle Entrate.

Quanto è il Rimborso detraibile

L’abbonamento a bus, metro, tram e treni è detraibile per il 19% in dichiarazione (quelli pagati dal 1° gennaio 2018 fino al 31 dicembre 2018). Vale anche per quelli pagati per familiari a carico, stesso periodo di tempo.
La spesa massima è € 250 all’anno.
Quindi la detrazione è il 19% dei € 250 euro quindi € 47,50

Abbonamenti Nominativi e Abbonamenti non nominativi: come fare

I nuovi abbonamenti del Treno (trenitalia) sia mensili che settimanali, bisettimanaili, trimestrali e annuali vengono abbinati al codice fiscale e quindi sono nominativi.
L’abbonamento annuale di ATAF è nominativo e comunque gli abbonamenti sono caricati sulla vostra carta Unica.

L’abbonamento mensile o trimestrale prevede due modalità: caricato su carta unica oppure tramite il tagliando di carta.
L’abbonamento caricato su Carta Unica è comunque dimostrabile dal sito stesso di ATAF dove nella vostra area personale ci sarà la possibilità di scaricare gli acquisti, mentre l’abbonamento cartaceo dovrà essere conservato.

ataf; tessera; elettronica;
Ricordiamo che il bonus scatta come auto denuncia di acquisto in fase di dichiarazione dei redditi e solo in un secondo momento, per un controllo della Agenzia delle Entrate dovrete dimostrare gli acquisti. Quindi conservate i tagliandi acquistati.

Le istruzioni per la corretta compilazione

Le istruzioni dettagliate sono contenute nelle regole di compilazione del modello 730/2019 che l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il 15 gennaio. Lo sconto verrà riconosciuto in detrazione fiscale Irpef sulle imposte dovute e come abbiamo già detto, sarà una auto denuncia in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi, con probabile verifica documentale successiva da parte della Agenzia delle Entrate. All’interno del modello 730 le spese sostenute dovranno essere indicate nel rigo da E8 a E10 utilizzando il codice spesa 40. L’importo che bisognerà indicare in dichiarazione dei redditi deve comprendere le spese indicate nella sezione “Oneri detraibili” (punti da 341 a 352) della Certificazione Unica con il codice onere 40. Con l’obiettivo di incentivare la mobilità sostenibile, la Legge di Bilancio 2018 ha inoltre introdotto la possibilità, per i datori di lavoro, di portare in deduzione totale le somme erogate a titolo di rimborso per i propri dipendenti pendolari e per i familiari.

Novità per i datori di Lavoro

Dal prossimo 1° gennaio 2019 le agevolazioni saranno introdotte anche per i datori di lavoro. Le spese sostenute dalle aziende per il rimborso dei titoli di viaggio acquistati dai lavoratori e familiari non concorreranno alla formazione del reddito da lavoro dipendente. ( agevolazione al comma 2 dell’art. 51 del TUIR ) I datori di lavoro potranno dunque portare l’importo di spesa sostenuto per rimborsare i lavoratori pendolari in deduzione totale, risulteranno costi sostenuti per ” l’esercizio della propria attività “.

Titolo H3 chiusura

A Firenze puoi ricaricare ____ in maniera estremamente veloce presso la nostra Tabaccheria: Ricevitoria Tabaccheria Numerone, via Reginaldo Giuliani 52 rosso a 50 metri da Piazza Dalmazia – telefono 055417151

I tagli delle ricariche sono da € 10 – € 15 – € 20 – € 25 – € 30 – € 50

 

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su print
Condividi su email
Chiudi il menu